Chiusa la rogatoria per Padre Lele Ramin

Ezechiele Ramin, missionario comboniano ed ex allievo del Barbarigo ucciso il 24 luglio 1985 a Cacoal, in Brasile, potrebbe essere non solo beato, ma anche martire. 

Il 25 marzo, alla presenza della commissione guidata dal vescovo Claudio Cipolla, il tribunale ha chiuso la rogatoria diocesana e presentato il lavoro alla chiesa di San Giuseppe, parrocchia d’origine di padre Ramin: dall’indagine emerge non solo che i requisiti ci sono tutti, ma anche che potrebbe essere riconosciuto un caso di martirio, perché "è stato ucciso in conseguenza del suo sacerdozio".

Ora il plico viene spedito a Roma, alla Congregazione delle cause dei Santi.